Crisi ambientale, clima e disuguaglianza

nes5

di Silvia Ribeiro*

Il modello di produzione e consumo industriale e l’ambiente

La distruzione dell’ambiente è parte integrante del modello industriale di produzione e consumo dominante, il quale non considera la natura e l’ambiente come base di sostentamento della vita, ma unicamente come mezzo per ottenere profitti.

– Quello attuale non è l’unico sistema che ha devastato l’ambiente, ma è sicuramente quello che ha globalizzato la distruzione trasformandola in un problema planetario.

Chi governa in realtà?

737 multinazionali hanno nelle loro mani l’80% delle vendite di tutte le imprese nel mondo.

– 147 ne detengono il 40%.

– 1.318 imprese (con sede in 26 Paesi anglosassoni e in Cina) controllano il 60% delle vendite globali. Queste 1.318 imprese presentano tra loro due o più interconnessioni, con una media di 20, costituendo una ragnatela globale. Le maggiori 50 sono quasi tutte istituzioni finanziarie.

nes2nes

Una disuguaglianza sempre più grande

L’1% più ricco possiede quasi il 50% della ricchezza globale (48.5%).

– Al 50% più povero rimane meno dell’1% della ricchezza (il 90% vive nel Sud globale).

– Il 20% della popolazione concentra nelle proprie mani il 94.5% della ricchezza globale.

– Il 70% della popolazione si deve accontentare solamente del 2.9%.

La crisi ha arricchito i ricchi

– Gli 85 maggiori miliardari del mondo possiedono oggi la stessa ricchezza di 3 miliardi e mezzo di persone.

La disuguaglianza è aumentata di più negli ultimi 30 anni, specialmente a partire dalle crisi degli anni 2007-2009.

– La ricchezza globale è cresciuta del 68% negli ultimi 10 anni. L’1% più ricco ha messo le mani sul 95% delle entrate, mentre il 90% è andato incontro a un aumento della povertà, dell’emarginazione, della disoccupazione e della precarizzazione. (…).

– La fusione di grandi imprese e di capitali finanziari che di fatto governano il pianeta, potendo anche contare su tecnologie sempre più potenti, crea una situazione globale di disastro ambientale, sociale e sanitario. (…).

young fracking protestor

Devastazione ambientale planetaria

Sovrasfruttamento delle risorse naturali: petrolio, fracking, gas, vecchie e nuove attività minerarie, deforestazione, immense monoculture devastanti per gli ecosistemi.

Industrializzazione del sistema agro-alimentare, controllato da poche transnazionali, appropriazione delle sementi, uso dei transgenici, massiccia contaminazione della terra e dell’acqua attraverso i veleni agricoli, con pesanti conseguenze sulla salute.

Urbanizzazione selvaggia, emarginazione, enormi discariche inquinanti.

Grandi opere di infrastruttura e trasporto a servizio delle grandi imprese, non delle necessità delle maggioranze.

Megaprogetti in campo energetico, dighe, centrali nucleari, centrali a biomasse.

Contaminazione ed esaurimento delle fonti d’acqua e dei suoli e inquinamento dell’aria.

– Minacce alla salute, con l’aumento esponenziale delle malattie. (…).

Cambiamento climatico per settori

– Secondo i dati dell’IPCC (2014), le emissioni di gas a effetto serra per settore sono i seguenti:

il 25% dipende dall’uso dei combustibili fossili per la produzione di energia e di elettricità;

il 24% è rappresentato dall’agricoltura industriale, dalla deforestazione e dal cambiamento della destinazione d’uso dei suoli;

a seguire, tra i settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra, vengono l’industria (21%), i trasporti (14%) e l’edilizia.

– Ma se prendiamo la parte di ogni settore che si relaziona al sistema agroalimentare industriale, troviamo che questo, dalle sementi di cui sono proprietarie le imprese fino ai grandi supermercati, è responsabile di una percentuale che va dal 44 al 57% dei gas a effetto serra.

– Se facciamo lo stesso rispetto all’urbanizzazione selvaggia, incontriamo anche qui percentuali assai elevate e pure queste legate al sistema agroalimentare industriale: non possono esserci supermercati senza grandi concentrazioni urbane.

nes4

I maggiori responsabili delle emissioni di gas a effetto serra

Attualmente, per volume totale: Stati Uniti: 15,5%; Cina: 23%; Russia: 5% (10 Paesi sono responsabili dei 2/3 delle emissioni).

Attualmente, pro capite: Stati Uniti: 17 tonnellate; Cina 5,4 tonnellate; Russia 11,6 tonnellate.

– Emissioni totali accumulate storicamente nel periodo 1850-2005: Stati Uniti: 29%; Cina: 9%; Russia: 8%.

– Emissioni accumulate storicamente a persona, in tonnellate metriche: Stati Uniti: 1.133; Cina: 85; Russia: 677.

– Storicamente, il principale responsabile sono gli Stati Uniti, seguiti dall’Unione Europea, dalla Russia, dal Giappone, dal Canada.

– Gli Stati Uniti utilizzano il 25% dell’energia mondiale e, da soli, hanno prodotto più emissioni dei cinque Paesi che seguono in classifica messi insieme, 10 volte di più del sesto, e più di 300 volte le emissioni di ciascuno di quasi tutti i Paesi dell’Africa.

Il rimedio è peggiore del male

Gli stessi governi responsabili della crisi climatica e gli scienziati che lavorano al loro servizio propongono, tra altre tecnologie di alto rischio:

– Geoingegneria (manipolazione del clima).

– Energia nucleare.

– “Bioenergia” (agrocombustibili, megapiantagioni, ecc.).

– CCS: cattura e immagazzinamento dell’anidride carbonica nel fondo marino e nelle formazioni geologiche.

– Estrazione di gas “naturale” attraverso  il sistema della fatturazione idraulica (fracking).

“Soluzioni” false e pericolose

Mito tecnologico: transgenici per la fame, “agricoltura climaticamente intelligente” e geoingegneria per il clima, nanotecnologia per superare la scarsità di materiali, enormi inceneritori per i rifiuti: tutti “rimedi” peggiori del male, per i gravi problemi che provocano.

Mito del mercato: mercato dei crediti di carbonio, pagamento per i servizi ambientali, il programma Redd per le foreste, compensazioni per la biodiversità… Nessuna di queste “soluzioni” risponde ai problemi reali e tutte offrono nuove occasioni di profitto alla finanza speculativa.

Antropocene?

– L’era attuale non può essere denominata “Antropocene” (termine usato per definire l’epoca geologica in cui l’ambiente terrestre è fortemente condizionato dagli effetti dell’azione umana, ndt): è l’era della plutocrazia e dell’ambizione illimitata che la caratterizza ciò che sta distruggendo il pianeta.

– Né si tratta solo della breccia tra Nord e Sud.

– La necessità che ci troviamo di fronte è quella di mettere in discussione, oltre al potere delle grandi imprese e del sistema che le sostiene, il modello industriale di produzione e di consumo, il modello di “sviluppo” e della tecno-scienza.

nes6

Dove cercare le vere soluzioni 

– Se il sistema alimentare agroindustriale produce dal 44 al 57% delle emissioni, utilizza il 70% dell’acqua e l’80% dei combustibili fossili impiegati nell’agricoltura e nell’alimentazione, e garantisce alimenti solo al 30% della popolazione mondiale, la rete contadina e quella dei piccoli produttori di alimenti, compresi gli orti urbani, alimentano il 70% della popolazione mondiale.

Le grandi città collasseranno completamente senza la rete di solidarietà e il sistema di economie locali di quelli che occupano gli ultimi posti della scala sociale.

 

Fonte: Adista

Silvia Ribeiro, giornalista e ricercatrice specializzata sulle tematiche ambientali, vive in Messico ed è direttrice per l’America latina di Etc group, una organizzazione internazionale della società civile che si occupa di ricerca e analisi sulle tecnologie. L’Etc Group (www.etcgroup.org) ha sede ad Ottawa (Canada) e collabora con organizzazioni dei paesi del sud del mondo, con l’obiettivo di “vigilare il potere, monitorare la tecnologia, rafforzare la diversità”. Transgenico, multinazionali, proprietà intellettuali, diritti dei contadini e delle comunità indigene sono i temi per i quali Silvia Ribeiro è nota in tutto il mondo e di cui si occupa scrivendo e partecipando a incontri e seminari. Oltre all’Etc group, Silvia Ribeiro fa parte di Acción Ecológica (Ecuador), La Vía Campesina, Acción por la Biodiversidad (Argentina).
DA LEGGERE

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...