Fabbriche e fattorie senza padroni

1545065_714343081995913_941716842736352369_n

Dell’autogestione e della conversione ecologica della fabbrica milanese RiMaflow ci siamo occupati più volte – leggi, ad esempio, Rifiutare e creare, RiMaflow ha pure aderito alla nostra campagna 2014 Ribellarsi facendo, con questo messaggio Ribellarsi senza padrone). Anche della comunità rurale fiorentina, Mondeggi, che ha cominciato a trasformare una proprietà pubblica in un bene comune, abbiamo raccontato obiettivi e lotte. Con il messaggio che pubblichiamo qui di seguito comincia un percorso comune tra questi due pezzi di società in movimento.

Non potevamo non incontrarci, non potevamo non condividere un percorso di lotta per un’alternativa economica e sociale. E la rete di Genuino Clandestino ha posto le condizioni per la sua concretizzazione. Una pratica di autogestione e di democrazia diretta, una produzione che guarda all’ecologia e si pone in contrasto con le logiche del Mercato, un progetto per ‘chiudere’ la filiera sul nodo tuttora irrisolto della circolazione e distribuzione dei beni prodotti: questo è lo spazio ‘fuorimercato’ in cui la fabbrica recuperata RiMaflow di Trezzano sul Naviglio e Mondeggi Bene Comune concordano di concentrare gli sforzi nel prossimo periodo, in una logica di mutuo soccorso.

RiMaflow, dopo aver costruito nel corso degli ultimi due anni molteplici attività in una sorta di ‘cittadella dell’altra economia, è oggi in una fase di definizione dei rapporti con la proprietà dell’area, puntando alla regolarizzazione dell’occupazione per passare alla produzione industriale in base al modello delle fabbriche argentine in autogestione. Mondeggi, dopo l’avvio del presidio contadino con la tre giorni di fine giugno e varie iniziative che hanno ottenuto il risultato che l’asta per la messa in vendita dell’area demaniale andasse deserta, ha avviato la produzione coinvolgendo il territorio nella difesa di un bene comune, anche attraverso il lavoro degli orti sociali e del recupero di vigneti e oliveti.

10259972_714343011995920_5032954641135949951_n

Ora, insieme ad altre realtà con pratiche convergenti come Sos Rosarno, Caicocci Terra Sociale, Netzanet di Bari e tante realtà che appartengono in primo luogo al circuito di Genuino Clandestino, si tratta a nostro avviso di dar vita a nodi/piattaforme logistiche che colleghino città e campagna in modo radicalmente alternativo alla grande distribuzione organizzata, che strozza la piccola produzione contadina, distrugge l’ambiente e la biodiversità, avvelena la terra e il cibo con ogm e pesticidi.

RiMaflow e Mondeggi concordano anche sulla necessità di aprire un cantiere per discutere le forme di un'<economia fuorimercato> che, pur non essendo oggi alla portata per il numero ancora limitato di esperienze (che quindi abbiamo come primo compito di moltiplicare), è il nostro obiettivo: noi quel film vogliamo vedere e lo diciamo fin d’ora. Fuorimercato, senza padroni e contro i padroni.

RIMAFLOW, fabbrica recuperata
MONDEGGI BENE COMUNE, fattoria senza padroni

FONTE: http://comune-info.net/2014/12/senza-padroni-2/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...